Sbagliare per migliorare

Vengo da tre settimane di lavoro intensissimo (e bellissimo!), in cui ho visto poco i bambini. Ieri, per la prima volta, ero di nuovo a casa. Ho passato una mattinata assurda, completamente disorientata, a vagare per le strade della città, cercando una missione, un compito, qualcosa da fare, pur di non sentirmi completamente inutile. Sono…

Cose che non sono

Finalmente!!!!!!!!!!!!!! Negli ultimi due mesi, ho desiderato ardentemente scrivere almeno 234.058.323.294 volte. Ma poi era estate, non avevo il computer, ero al mare (eheh), faceva caldo, insomma, non trovavo il modo. Oggi pomeriggio, nonostante la giornata di sole, siamo andati al cinema a vedere Emoji, il cartone sulle “emoticons”, ed alcuni passaggi del film (che…

Amarsi, ancora.

Dopo averci pensato giusto 37 annetti, i miei genitori hanno deciso di sposarsi. Ebbene sì, mia sorella ed io siamo il prodotto di un’unione – almeno fin’ora – selvaggia, come si dice qui in Austria (wilde Ehe). Mi fa un po’ ridere quest’espressione, e già da piccola mi faceva parecchio divertire la reazione suscitata nelle…

Verso l’infinito… e oltre!

Si dice che 7 sia il numero infinito, e tu bambina mia, oggi compi 7 anni. Vorrei che restassi così all’infinito, ma anche che vivessi infinitamente a lungo. Le mamme sono un po’ matte, del resto. 7, il numero infinito. Ora è il tuo numero. Con quel sorriso bello sdentato e quella s leggermente a…

Sii un pesce

Salve, sono Cecilia, per gli amici ansia. Oggi scrivo, nonostante la stanchezza, perché a volte scrivere è una necessità. Mi sento appesantita più del solito. E no, purtroppo non è solo colpa degli innumerevoli würstel che mi sono sparata durante il ponte del primo maggio (ps: 1-0 Baviera Austria, sono più buoni in Baviera!). Non…

Lunedì dell’angelo

Tranquilli, non sono diventata improvvisamente religiosa. Pensavo solo al detto “nomen est omen” e a quanto sia, in certi casi, proprio azzeccato. E visto che è da un po’ che non vi delizio con le mie disavventure tragicomiche di mamma espatriata, ho pensato fosse arrivato il momento di condividere le mie ultime rocambolesche imprese. Dopo…

Ai papà di domani

Oggi in Italia è la festa del papà. Qui ad Amoriland si festeggia a giugno, così non solo i papà guadagnano in media di più delle mamme a pari qualificazione e posizione, no, possono pure essere festeggiati due volte! Se non è discriminazione questa, ditemelo voi cos’è! 🙂 Scherzi a parte, essendo la festa ‘italiana’…

5 anni di mammitudine

Incredibile, ma vero. Proprio oggi 5 anni fa, il 7 marzo 2012, decidevo di aprire un blog. Non sapevo bene cosa sarebbe diventato, non avevo un vero piano. Sapevo solo che volevo scrivere, che volevo condividere, che era arrivato il momento di crearmi una cosa mia, una piattaforma dove esprimere pensieri, dubbi, e sensazioni di…

sugar everywhere

La mia dentista è romantica, nonostante l’odore di disinfettante e il rumore del rubinettino d’acqua sempre acceso (che spreco, non trovate?). Poco prima di iniziare, mi ha detto “chiudi gli occhi e pensa a qualcosa di bello”. Ebbene sì, un altro dente del giudizio se ne è andato. Se continuo così tanto vale dar vita…

scalza

C’è un signore, un artista, che abita vicino a noi. Ha un piccolo atelier che è al contempo casa sua, fa sculture strane di legno, ed è un tipo direi eccentrico. Ha i capelli lunghi, due anelloni d’argento ai lobi, fuma un quantitativo indefinito di spinelli a qualunque ora del giorno e va in giro…

new beginning

Adesso che sono passati quasi 10 giorni, posso dirlo: io odio il Capodanno.

Poverino, non mi ha fatto niente eh. Semplicemente mi innervosisce. A parte il doversi divertire a tutti i costi la notte di Capodanno spendendo cifre assurde per cenoni e quant’altro, che, per fortuna, da quando sono mamma riesco un po’ a scampare. Non è (solo) la festa in sé che mi turba. Ma farò qualche esempio per spiegarmi meglio.

Una mano intera

Da quando sono mamma, i compleanni mi fanno un effetto strano. Da una parte sono contenta, ovviamente, di raggiungere un nuovo traguardo, di assistere alle innumerevoli evoluzioni, e anche di condividere sempre più ricordi, man mano che gli anni passano. Ma dall’altra, sono malinconica. I miei bambini stanno diventando grandi!!!! Che impressione. Non c’è modo…